Galà di sport da combattimento organizzato dalla Pro Fighting Prato con match light e a contatto pieno (dilettanti e PRO ) di

K1 Style e Muay Thai


La settima edizione del galà Fight 4 life , organizzato dal Maestro Catalano,dal Maestro Mazzoni e Lorenzo Patriarchi, presidente della Pro Fighting Prato, si è dimostrato come una della più belle riunioni di Sport da Combattimento mai viste in Toscana.
Nel primo pomeriggio ben 40 match a contatto leggero e quasi 20 a contatto pieno (terza e seconda serie) hanno animato il palco di gara formato da due tatami ed un ring.
Nel contatto leggero, Abramo Cipriani del Team Sparta si trovava nuovamente opposto a Cocchi Graziano del Kay Muay, un derby in casa Pro Fighting Prato , una rivincita del match dello scorso anno al galà “Mal di Testa”. Anche in questa occasione Cipriani porta a casa una giusta vittoria in un match comunque combattuto ed onorato da entrambi gli atleti.
Questa edizione del Fight 4 life è stata anche premiata sul campo da grandi risultati da parte degli atleti della Pro Fighting Prato ; Marco Conti si aggiudica il suo primo match “Pro” di K1 contro un astro nascente degli Sport da Combattimento dell’Est Europa . M.Balic , di soli 15 anni di età ma ben 20 match (di cui 18 vittorie) all’attivo, riesce solo nel finale ad impensierire il nostro Marco che vince all’unanimità. Da parte del Team Sparta concedeteci di dire che la soddisfazione è doppia visto che Marco ha ricominciato l’attività agonistica nel 2006, dopo svariati anni di stop, proprio nel nostro Gruppo, per poi passare sotto la guida del Maestro Catalano.
L’atteso match di Emily Whaby con in palio Il titolo Italiano di k1 vede “bum bum Emily” netta vincitrice rispetto alla sua bravissima ed esperta avversaria della Pro Fighting Bologna, Stefania Macchia .Mesi di stop forzato non hanno indebolito il carattere della nostra Emily e la sua felicità per la vittoria è anche la nostra.
Il match clou della serata vedeva protagonista la nostra Paola Cappucci (allenata dal Maestro Catalano), Campionessa Intercontinentale “Wako Pro “ di K1, salire sul ring dopo sole due settimane dal match di Stoccarda per il titolo europeo di Full Contact, perso di misura ai punti dopo ben 10 round incalzanti e spettacolari.
La sua sfidante per la cintura, Alena Hola , atleta cecoslovacca di gran classe e temperamento, non riusciva a trovare il bandolo del match che una Cappucci, meno brillante del solito a causa dei postumi del precedente incontro ma estremamente precisa e attenta a gestire le riprese, riusciva a portare in fondo in vantaggio, assicurando così alla sua Cintura di Campionessa di rimanere in Italia e soprattutto di concederle il giusto trionfo davanti ai suoi tifosi giunti a sostenerla presso il Palaconsiag di Prato.